Simbologia della Terra e il suo valore nelle culture

La terra è il nostro pianeta, ma anche uno dei quattro elementi. Racchiude tutta la natura ed è considerata sacra. Moltissime religioni politeiste la vedono come la Madre Terra, per gli andini ad esempio è Pachamama. Venerata e amata, ma anche distrutta e violata dall’uomo come purtroppo possiamo constatare noi stessi.

L’uomo è la specie più folle: venera un Dio invisibile e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.

Hubert Reeves

La terra simboleggia la materia primordiale, la madre che ci nutre e ci accoglie. E’ il simbolo della casa, dell’appartenenza a un gruppo. Colei che ci da la vita e ci accoglie quando arriva il momento di lasciare il corpo mortale. Simboleggia la fertilità nella sua immagine di natura rigogliosa. E’ infatti considerata il principio femminile per eccellenza. E’ nelle sue viscere che trasforma il seme, possiede il dono di dare e togliere la vita.

Simboli che rappresentano l’Elemento Terra

La terra è simboleggiata da un triangolo con il vertice rivolto verso il basso e con una sbarra che lo attraversa in posizione orizzontale. Anche il quadrato però è il suo simbolo. Un individuo governato dall’elemento terra, è prudente e pronto ad accogliere ciò che la vita gli offre. Infine troviamo il cerchio, a rappresentare il globo.

Si affiancano alla terra tanti altri simboli naturali come quello della montagna, dell’albero, della caverna e della foresta. Simbolicamente legata al punto cardinale del nord e alla stagione invernale.

Un altro simbolo della terra, che diventa però anche il simbolo dei 4 elementi + lo spirito, è il pentacolo.

Nell’alchimia la terra è collegata al numero 4. E’ infatti la solidità, la resistenza. Sempre secondo gli alchimisti è grazie alla terra che, se abbinata al fuoco, si può ottenere il sale dei filosofi. Negli arcani minori corrisponde al seme di denari.

Per i Nativi Americani una croce (come quella cristiana) e un cerchio che si posiziona perfettamente al centro delle braccia più corte, è simbolo della terra. Rappresenta il globo e le sue quattro direzioni, quattro stagioni etc.

Terra che divide, terra che unisce

Secondo i celti, solo la terra era capace di dividere (con la distanza) e unificare. Quando una persona cara moriva, tutti i parenti e gli amici potevano riunirsi per seppellirla solamente quando il trapassato poteva essere coperto dal suolo nativo. Solo in questo modo poteva ottenere l’eterno riposo.

Ogni cultura, un animale e una divinità

Secondo gli indiani (dell’India) è la tartaruga l’animale che meglio personifica la terra. Per il sud e centro America, il Serpente. Nella cultura giapponese è il pesce gigante, in quella del sud-est asiatico l’elefante e infine per l’Egitto, lo scarabeo. Nello zodiaco troviamo due animali sotto l’elemento terra, il Toro e il Capricorno, affiancati dalla Vergine.

Varie le divinità associate nelle culture alla Terra. Per i greci è Gaia, in India è Ida. La dea azteca è Cihuacoatl, quella germanica Nerthus. Per gli egizi il Dio che rappresentava la terra era un maschio, Geb. L’elenco in realtà è davvero molto lungo. Considerate che solo in Africa vi sono, in base al popolo, 4 differenti dee della fertilità che rappresentano Madre Terra. Come Ale per il popolo Igbo (stabilito ora in Nigeria), Allat per il popolo arabo nel periodo pre-islamico. Per gli andini è Pachamama. Nell’antica Mesopotamia Ninhursag.

La maggior parte delle divinità associate all’elemento terra sono femminili. L’energia di questo elemento è Yin, femminile, ricettiva.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *